Dal 15 aprile in edicola il nuovo Annuario Marche di orologi in Italia

Articoli, approfondimenti e 150 schede sulle novità orologiere dell'anno

27 marzo 2018

Torna l’appuntamento de La Clessidra con il suo Annuario. E torna ancora una volta all’inizio dell’anno, in corrispondenza dei grandi eventi che segnano la direzione e i trend del settore: il SIHH 2018 di gennaio e Baselworld 2018, la grande fiera dove il nostro Annuario è presentato in anteprima. Si tratta di una sfida importante e faticosa per la redazione e i grafici, una corsa contro il tempo e per il tempo, che ci porta ad essere il primo Yearbook presentato in Italia, completo e puntuale, grazie agli inserimenti dell’ultimo minuto… o, meglio, dell’ultimo secondo. Dal 15 aprile in edicola, la rivista resterà un punto di riferimento per tutto l’anno, con una ricca e dettagliata sezione di 150 schede tecniche, fonte di informazioni aggiornate sulle nuove uscite appena presentate e su quelle che arriveranno nelle orologerie nei prossimi mesi; ma sarà anche uno spazio di approfondimento e di lettura gradevole, da tenere a portata di mano e su cui tornare, per scoprire le tendenze, la tecnologia, l’incanto dell’alta orologeria e le storie dei protagonisti. Ci rivolgiamo agli appassionati del mondo degli orologi e ai professionisti, per stupirli con il fascino antico e sempre nuovo di questi oggetti d’arte e per suggerire itinerari e luoghi dove la passione per i segnatempo si può esprimere al meglio.

Barbara Ainis nasce a Milano nel 1976. È laureata in Filosofia ed è giornalista, autrice di documentari e fotoreporter. È direttore responsabile della rivista La Clessidra, la più antica rivista italiana di orologi e l'unica rivolta al trade orologiero. Inoltre, come freelance, collabora con testate nazionali e internazionali di viaggi. Ha lavorato come autrice e produttrice esecutiva alla realizzazione dei documentari Éphémère - La bellezza inevitabile (Best Documentary al SIFF 2018) e A. Wildt. Il marmo e l’anima, prodotti con il brand Catrina Producciones dall’Associazione Culturale La Catrina, di cui è socia. Conduce seminari e corsi di formazione sui linguaggi audiovisivi e sull’uso dell’audiovisivo anche in ambito Social.

Leave a Reply

  • (not be published)