Natural Freedom”: Istituto Marangoni e Rado immaginano insieme un innovativo concetto di pop-up store

09 marzo 2018

In occasione della prossima Design Week di Milano, Istituto Marangoni Milano The School of Design  e la maison orologiera svizzera Rado presenteranno il progetto finalista del Rado Star Prize Italia 2018, quest’anno ispirato al tema “Natural Freedom”.

La competizione rivolta agli studenti di Istituto Marangoni delle aree Interior, Product, Visual, Fashion e Accessories Design, ha dato vita ad un nuovo concetto di pop-up store, che sarà protagonista di una installazione allestita all’interno del Superstudio Più di Via Tortona 27, dal 17 al 22 aprile. Gli studenti hanno lavorato intorno al tema “Natural Freedom” e tre sotto categorie, punti di partenza per riflessioni più approfondite.

La prima è “Natural is back”: in un mondo in cui la tecnologia è sempre più presente, si assiste ad un ritorno alla natura come fonte di ispirazione per il design, creando un legame profondo con la dimensione artificiale. La seconda categoria è il “Luxury time”: in un mondo iper connesso, l’ultima frontiera del lusso è rappresentata dal concedersi del tempo di autentica pace e libertà, scollegati dalla tecnologia e dalla rete. Infine, il terzo concetto offerto ai giovani designer è “Rethinking space, lifetsyle and needs”, un suggerimento a cogliere e reinterpretare la necessità di un approccio sostenibile che restituisca anche una rinnovata vitalità a spazi e luoghi inutilizzati.

Dei 25 studenti finalisti, ne sono stati selezionati 5 (uno per disciplina): Chiara Castagnola (Interior Design), Fadi Nasr (Product Design), Jayi Wang (Visual Design), Zhenni Khuang (Fashion Design), Dain Song (Accessories Design). Insieme, i giovani progettisti realizzeranno un pop-up store che verrà prodotto ed esposto al Superstudio Più durante la Design Week.

 La giuria del premio Rado Star Prize, presieduta da Giulio Cappellini, è composta da Massimo Zanatta, School Director di Istituto Marangoni Milano The School of Design, Hakim El Kadiri, Responsabile Sviluppo Prodotto Rado dal 2011, Livia Peraldo Matton, Direttore responsabile di Elle Decor Italia, e Matteo Cibic, Designer e Artista. Per la selezione dei 5 migliori progetti, sono stati valutati alcuni criteri, tra cui la coerenza del lavoro rispetto al brief, la sua rilevanza in rapporto agli attuali trend, la reale fattibilità e la qualità estetica.

In occasione dell’Award Ceremony, che si terrà lunedì 16 aprile alle 17.00, verrà inoltre premiato lo studente che, all’interno del team, ha saputo apportare elementi di innovazione in coerenza con il brief di partenza, diventando così elemento principale dell’intera proposta. Il vincitore assoluto della competizione riceverà un premio in denaro e un orologio Rado.

 

Anche quest’anno, è stato interessante osservare come gli studenti delle diverse aree abbiano saputo cogliere il brief e reinterpretarlo, ognuno da un punto di vista differente e, soprattutto, facendo emergere la propria cultura, il proprio vissuto e il proprio paese di origine.” commenta Giulio Cappellini “Team di lavoro complessi hanno infine presentato un progetto sostenibile, accurato e perfettamente in linea con l’eleganza e l’innovazione tipiche del brand Rado ”.

“Rado è entusiasta della partnership con Istituto Marangoni volta al sostegno dei talenti futuri del design grazie al Rado Star Prize Italia. L’alta qualità in termini di innovazione e design dei progetti  presentati dai finalisti testimonia il valore  e la dedizione del loro talento” ha commentato il CEO Rado Matthias Breschan.

 

 

Per il terzo anno consecutivo, si conferma dunque la proficua collaborazione tra Istituto Marangoni e Rado, insieme per stimolare i giovani talenti sui temi della contemporaneità e per offrire, ai tanti appassionati di design che visiteranno la mostra, un’ulteriore occasione di riflessione.

Leave a Reply

  • (not be published)