THE ART OF DE GRISOGONO da Christie’s

Il 14 novembre 2017 alle 19, al Four Seasons Hotel des Bergues di Ginevra

31 ottobre 2017

In occasione della prestigiosa asta “Magnificent Jewels”, il prossimo 14 novembre Christie’s presenterà al mondo una vera opera d’arte, testimone di un raffinatissimo savoir-faire firmato de GRISOGONO.

Il collier, che monta, come pendente, un diamante di 163,41 carati, D flawless e di tipo IIA, sarà il protagonista de The Art of de GRISOGONO, una collaborazione che porterà all’asta i diamanti più preziosi mai visti sul mercato a cominciare dall’imminente stagione d’asta ginevrina di Christie’s.

Rahul Kadakia, Direttore internazionale di Christie’s Gioielli, ha commentato: “Durante i suoi 251 anni di attività, Christie’s ha avuto il privilegio di curare la vendita dei diamanti più preziosi e importanti al mondo. Questo diamante perfetto e sensazionale da 163,41 carati, sospeso su un’elegante collana di smeraldi e diamanti, consacra de GRISOGONO come una Maison di rara eccellenza”.

Con il 25° anniversario della Maison ormai alle porte, il fondatore di de GRISOGONO, Fawaz Gruosi, riesce a stupire ancora con la sua strabiliante visione: espandere la collezione di alta gioielleria concentrandosi su pochi diamanti, ma di dimensioni considerevoli e assolutamente privi di imperfezioni, di impeccabile lucentezza e dalla simmetria ineguagliabile. Dall’incontro di queste pietre straordinarie con la lunga esperienza della Maison nasce un primo eccezionale gioiello creato intorno a un diamante D flawless, il più grande mai messo all’asta. La pietra da 163,41 carati è stata tagliata a partire da un diamante grezzo di 404 carati estratto a inizio febbraio 2016 nella miniera di Lulo, nella provincia di Lunda Sul in Angola.

Chiamato “4 de Fevereiro”, il diamante bianco grezzo è il 27° diamante più grande che sia mai stato scoperto, e il primo dell’Angola. Dopo essere stato analizzato ad Anversa, il diamante grezzo è stato lavorato a New York da un’équipe di 10 tagliatori specializzati, che hanno trasformato la pietra grezza da 404,20 carati in un diamante da 163,41 carati taglio smeraldo, con un procedimento che ha compreso diverse fasi tra cui mappatura, individuazione delle inclusioni, clivaggio, taglio laser e lucidatura. Il primo taglio è avvenuto il 29 giugno 2016, quando il maestro artigiano specializzato nel clivaggio, ottantenne, ha eseguito un taglio lungo la venatura per dividere il cristallo in due. Nel dicembre 2016, dopo 11 mesi di lavoro, la pietra da 163,41 carati era pronta ad affrontare il vaglio dell’Istituto Gemmologico Americano. Si tratta del diamante puro D flawless più grande mai apparso alle aste di tutto il mondo.

Nel frattempo, tra le mura ginevrine di de GRISOGONO, Fawaz Gruosi e la sua équipe avevano creato 50 diversi design per il gioiello che avrebbe accolto la pietra da 163,41 carati. La scelta definitiva è avvenuta proprio in occasione dell’anniversario della sua scoperta, a inizio febbraio 2017, optando per una collana asimmetrica con al centro il diamante da 163,41 carati, composta da 18 diamanti taglio smeraldo allineati a sinistra e, a destra, da due file di smeraldi taglio poire. Con questa composizione, ma anche con l’intera collezione, Gruosi dona un ruolo centrale al colore verde, credendo fermamente nel suo potere portafortuna. Tra uno smeraldo e l’altro non è visibile alcuna traccia d’oro, poiché ogni gemma è perfettamente affiancata alla successiva. Inoltre, il metallo è stato scurito per creare l’effetto chiaroscuro tipico di de GRISOGONO. Le griffe che avvolgono il diamante da 163,41 carati scompaiono sotto quattro diamanti taglio baguette che creano un effetto di brillantezza ineguagliabile. Il rovescio della base in oro, anch’esso arricchito da diamanti incastonati, reca un’incisione indicante il peso del diamante.

Per dare vita a questo gioiello unico sono state necessarie oltre 1700 ore e il lavoro di squadra dei 14 artigiani con il loro impareggiabile savoir-faire, nonché il loro amore per la perfezione e per i dettagli del collier.

Leave a Reply

  • (not be published)