E’ tempo di VICENZAORO September 2017

Dal 23 al 27 settembre l'edizione 2017. Dalla rivista di Settembre, l'articolo sul nuovo polo fieristico

22 settembre 2017

Credits : De Grandis Paolone/LaPresse

Sono molte le novità dell’edizione settembrina 2017 di VICENZAORO, a partire, evidentemente dall’Ente Organizzatore, non più Fiera di Vicenza spa, ma Italian Exhibition Group Spa (IEG), la nuova società eristica frutto dell ́integrazione tra Rimini Fiera Spa e, per l’appunto, Fiera di Vicenza Spa, siglata nell’ottobre 2016. Un progetto su cui vale la pena effettuare un opportuno approfondimento. Italian Exhibition Group Spa, infatti, è diventato il primo soggetto in Italia per numero di manifestazioni organizzate direttamente, con 61 prodotti in portafoglio (al 90% di proprietà) e 160 tra eventi e congressi. Sarà il player fieristico d ́Italia per la valorizzazione e l ́internazionalizzazione di alcune delle più importanti filiere produttive del Made in Italy di successo. La Società ha come obiettivo la quotazione in Borsa e punta a fungere da soggetto aggregatore per altre realtà fieristiche. Rimini Fiera e Fiera di Vicenza, in oltre 60 anni di attività, hanno saputo rendere le proprie manifestazioni punto di riferimento per importanti comparti produttivi, molti dei quali leader a livello internazionale. L’azionariato di Italian Exhibition Group Spa è composto in modo diretto o indiretto da: Rimini Congressi srl (che include Comune di Rimini attraverso Rimini Holding, Camera di Commercio di Rimini e Provincia di Rimini), Regione Emilia Romagna, GL Events, King Spa, Salini Impregilo, Fiera Invest Spa; Comune di Vicenza, Camera di Commercio di Vicenza, Provincia di Vicenza per il tramite di Vicenza Holding e altri soci privati. Il Consiglio di Amministrazione è formato da: Lorenzo Cagnoni (Presidente e Amministratore Delegato), Matteo Marzotto (Vice Presidente), Barbara Bonfiglioli, Daniela Della Rosa, Maurizio Renzo Ermeti, Lucio Gobbi, Catia Guerrini, Simona Sandrini, Luigi Dalla Via; Direttore Generale è Corrado Facco, Vice Direttore Generale Carlo Costa.

Le 61 manifestazioni di Italian Exhibition Group Spa sono riferite a importanti filiere produttive del Made in Italy, quali: Food & Beverage, Green, Technology, Entertainment, Tourism, Transport, Wellness, Jewellery e Fashion, Lifestyle & Innovation. Come accennato, asset prioritario sarà l’internazionalizzazione, attirando buyer ed espositori stranieri in Italia e sviluppando attività nei mercati esteri strategici. Il Gruppo parte già da una solida presenza nel mercato internazionale, in particolare con una joint venture negli Emirati Arabi Uniti e presenze in USA, Cina e India, e con progetti ben avviati anche in Sudamerica. È previsto un piano di sviluppo per valorizzare i due quartieri fieristici di Rimini e di Vicenza, già Business Center di alto livello internazionale, dotati di infrastrutture moderne, tecnologicamente avanzate. Ha sottolineato il Vice Presidente Matteo Marzotto: “Questa integrazione rappresenta un fatto storico non solo per Rimini Fiera e Fiera di Vicenza, ma anche perché dà vita ad un soggetto fieristico che, da precursore assoluto, crediamo potrà essere ulteriore polo aggregatore e impulso allo sviluppo di un vero sistema fieristico italiano. L ́operazione tra Rimini e Vicenza – realizzata in tempi rapidi, a testimonianza della nostra determinazione e concretezza – è frutto della visione per un progetto industriale di grande levatura che sarà al servizio delle filiere del miglior Well Done in Italy e motore della loro internazionalizzazione, nonché potente Market Place attrattivo per le più importanti aziende del mondo”.

A conferma di quanto sostenuto nell’incipit, lo scorso febbraio, è stato siglato un accordo strategico tra IEG e Arezzo Fiere e Congressi Srl, a seguito del quale Italian Exhibition Group, oltre ad organizzare le tre edizioni di VICENZAORO (gli eventi di gennaio e settembre a Vicenza e l ́appuntamento di novembre a Dubai), gestirà anche la segreteria organizzativa di OROAREZZO e Gold Italy ad Arezzo (lo ha cominciato già a fare per le edizioni di maggio 2017 e proseguirà per quelle di ottobre 2017). Dunque si rafforza la mission di Italian Exhibition Group nel caratterizzare e valorizzare le singole manifestazioni e il loro legame con il territorio, ma in una forte ottica di sistema, con l’obiettivo di potenziare il comparto, aumentando le occasioni di business per gli espositori, sia stimolando il mercato interno, sia favorendo la presenza di buyer internazionali per supportare l ́accesso delle aziende ai mercati strategici della gioielleria, anche grazie al supporto del MISE e dell’ICE (Agenzia per la promozione all ́estero e l ́internazionalizzazione delle imprese italiane). In conclusione, va evidenziato che il bilancio consolidato pro-forma 2016 di Italian Exhibition Group SpA (come se l’attività si fosse svolta in maniera congiunta da parte dei membri componenti per l’intero anno fiscale) ha fornito i seguenti risultati: 124,8 milioni di euro di fatturato (+10,6% sui 112,8 milioni di euro del pro-forma 2015); Margine Operativo Lordo di 21,9 milioni (+ 11,7% sul 2015); Utile Netto consolidato di 6,6 milioni (+ 20% sui 5,5 milioni di euro del 2015). Nel 2016, IEG, nel complesso delle sedi espositive e congressuali di Rimini e Vicenza, ha totalizzato 59 manifestazioni, 216 tra congressi ed eventi, 14.593 espositori, sfiorando i 2,5 milioni di visitatori: sono dati che posizionano IEG al secondo posto tra le ere italiane per volume di fatturato e al primo per manifestazioni organizzate direttamente e redditività del business. Numeri incoraggianti ai quali va aggiunta l’ottima performance del primo trimestre 2017.

VICENZAORO – EDIZIONE DI SETTEMBRE

Il settore orafo-gioielliero italiano è il più importante in Europa per qualità della produzione, design e innovazione tecnologica, proiettato nella nuova frontiera del modello industria 4.0. Conta circa 10mila imprese e 40mila addetti, nel 2015 ha generato un fatturato di oltre 7 miliardi di euro, un export di 6,5 miliardi e un saldo commerciale positivo di 4,2 miliardi. Pur in una fase negativa della domanda globale di oro per la gioielleria, nel 2016 le esportazioni italiane si sono ottimamente comportate.

Questo il contesto protagonista di VICENZAORO September 2017 – The Jewellery Boutique Show, che avrà luogo dal 23 al 27 settembre, organizzata, evidentemente da Italian Exhibition Group (IEG), del quale abbiamo ampiamente dissertato poc’anzi. Nel segno della continuità con il tema cardine per il 2017, legato alla Corporate Social Responsibility nel mondo orafo gioielliero, anche per VICENZAORO September 2017 il fil-rouge sarà “Green Jewellery”, la responsabilità sociale e le politiche di sourcing di tutti i materiali utilizzati nel settore. IEG rinnova, dunque, l’impegno nei confronti di temi rilevanti a sostegno della tracciabilità, del commercio etico, della tu- tela dell’ambiente, della salvaguardia del diritto-dovere al lavoro e della salute nella filiera del gioiello. A conferma del suo carattere internazionale, VICENZAORO September 2017 coinvolgerà più di 1.500 brand espositori provenienti da 36 Paesi nel mondo e dai principali distretti orafi italiani, oltre a visitatori, buyer, giornalisti, opinion leader e trend setter dai key market esteri.

Grazie al supporto di ICE, VICENZAORO ospiterà 500 buyer selezionati e pro lati dei principali mercati di riferimento e tra questi accoglierà anche una delegazione di 150 retailer italiani curata da Federpreziosi, Federazione nazionale delle imprese orafe gioielliere argentiere orologiaie. Inoltre più di 800 Gold Buyer, selezionati tra i top player del mercato europeo e internazionale, usufruiranno di servizi esclusivi a loro dedicati durante la Manifestazione.

VICENZAORO September 2017 ripropone, per il secondo anno consecutivo, il format espositivo consolidato e di successo, VICENZAORO The Boutique ShowTM, che suddivide tutta l’offerta di prodotto in 6 distretti di aziende omogenee e riconoscibili per posizionamento di mercato e valori (ICON, LOOK, CREATION, EXPRESSION, ESSENCE, EVOLUTION), facilitando incontri di business tra aziende e buyer internazionali.

E proprio all’interno del Distretto ICON, dopo il successo del 2016 e la preview lanciata a gennaio 2017, a VICENZAORO September 2017 ritorna N.O.W. Not Ordinary Watches, la capsule del Padiglione 7, dedicata a più di 10 brand selezionati del mondo degli Independent Watches (per la precisione: Aeronautica Militare, Altanus, Kendall, Zzero, Pryngeps, Louis Erard, Welder, We Wood, Paul Picot, Locman, Storm London).Tecnologia e Innovazione saranno invece i protagonisti dell’area S.E.T Small Equipment & Tools, presso il Padiglione 2.2: un progetto ambizioso, dedicato alle aziende di piccoli macchinari, utensili e stampanti 3D, software e piccola attrezzatura, che soddisfa la domanda sia di produttori, sia di realtà del mondo retail. Domenica 24 settembre, si terrà l’importante appuntamento con CIBJO, la Confederazione Mondiale della Gioielleria, che, in collaborazione con Italian Exhibition Group, organizzerà un convegno sull’impatto della nuova legislazione EU dei Mineral Conflicts sull’industria del gioiello e sulle strategie da mettere in atto per rispondere in modo efficace alle necessità.

Un calendario ricco di eventi sarà poi inaugurato presso la nuovissima VO Square, uno spazio, all’interno del Quartiere Fieristico, che diventerà luogo per eccellenza di convegni, talk e incontri con esperti, opinion leader internazionali. In quest’area verranno trattati per l’occasione temi d’attualità e di richiamo per il settore orafo gioielliero a 360°, in un format fruibile ed immediato. Le tendenze saranno protagoniste durante la manifestazione con TRENDVISION Jewellery + Forecasting, l’osservatorio indipendente di forecasting del mondo orafo gioielliero che lancerà in esclusiva il nuovo TRENDBOOK 2019+. La pubblicazione, fonte di ispirazione e strumento di lavoro indispensabile per produttori e designer che vogliono essere aggiornati sulle abitudini dei consumatori e anticipare le tendenze del mercato, sarà presentata sabato 23 settembre durante un seminario dedicato, tenuto da Paola De Luca, Creative Director dell’Osservatorio & Forecaster. I giovani e la creatività nel mondo orafo saranno al centro della Cerimonia di Premiazione dei vincitori tra i 22 finalisti del Concorso Internazionale “Next Jeneration Jewellery Talent Contest”, che per il 2017 ha lanciato il tema “Gioiello e Fun- zione”. Le creazioni di tutti i 22 finalisti, realizzate da aziende orafe italiane, tra cui alcuni espositori di VICENZAORO, saran- no esposte durante una Mostra presso il Museo del Gioiello di Vicenza, la cui inaugurazione è prevista il 22 settembre, in occasione della Premiazione. Il Concorso, giunto alla sua sesta edizione e promosso da IEG, in collaborazione con la Scuola di Design del Politecnico di Milano, rappresenta uno strumento di scouting indispensabile per mettere in luce e promuovere nuovi creativi nello scenario orafo internazionale.

A cura di Carlo Varzi

Leave a Reply

  • (not be published)